Uno dei numerosi autoritratti di Erma, databile tra gli anni Venti e i primissimi anni Trenta in cui l’artista si ritrae nel pieno della maturità artistica con lo sguardo penetrante e deciso di chi sé soddisfatto di sé. Olio su tavola 228 x 165 mm